Bonifica ambientale

Bonifica ambientale: contro la minaccia delle microspie

La bonifica ambientale è una forma di tutela della privacy e della riservatezza, uno strumento di sicurezza volto a preservare o frenare l’illecita acquisizione di informazioni personali o aziendali.

Bonifica ambientale: cos’è

La bonifica ambientale è un processo mirato a individuare e rimuovere dispositivi di sorveglianza non autorizzati, le microspie ambientali, dagli spazi privati o lavorativi, come uffici, abitazioni o veicoli. Il fine è di contrastare l’intercettazione illegittima e/o fraudolenta di suoni, immagini e dati.

Microspie ambientali: cosa sono

Una microspia ambientale o cimice spia è un dispositivo capace di catturare e trasmettere dati, voci e suoni ambientali. Per farlo sfrutta un microfono, una trasmissione radio, GSM (Global System for Mobile Communications) o wi-fi e un ricevitore. Tra le principali microspie ambientali si annoverano:

  • microspie per auto, ossia i localizzatori gps o microspie gps o tracker gps;
  • microfoni da muro;
  • microfoni direzionali;
  • micro-auricolari;
  • microcamere occultate;
  • microspia collocata in un comune caricatore USB (CaricaSpy).

Bonifica ambientale: come si fa

Le bonifiche ambientali richiedono competenze specializzate e l’impiego di tecnologie avanzate. Nel campo delle investigazioni private, la procedura di decontaminazione dalle cimici spia prevede:

  • la ricerca, tramite strumenti di rilevamento (tra cui, sensori radio e analizzatori di frequenza);
  • la disattivazione e la rimozione fisica;
  • l’esame, utile a determinare, se possibile, chi, quando e come siano state collocate;
  • la consegna delle prove raccolte, necessarie per eventuali azioni legali.

Bonifica ambientale: quando è necessaria

In ambito investigativo, è possibile definire e riconoscere degli indici di sospetto, ovvero degli elementi e/o circostanze che possono segnalare un’intercettazione non autorizzata; tra questi:

  • la divulgazione di informazioni riservate;
  • la presenza di oggetti di provenienza sconosciuta in ambienti sensibili;
  • le interferenze anomale da parte degli impianti elettronici (radio, televisione, stereo, telefoni);
  • le variazioni inspiegabili nella struttura fisica dei locali (spostamento di mobili, placche elettriche, cornici, telai, piastrelle, pannelli del contro soffitto, etc.).

Oltre quella ambientale: le bonifiche telefoniche e informatiche

Oltre a quella ambientale, esistono altre due specifiche tipologie di bonifica volte a neutralizzare le intrusioni illecite e garantire la sicurezza delle comunicazioni elettroniche, ovvero:

  • bonifica telefonica, il cui obiettivo è scansionare e risanare la linea telefonica fissa, la linea elettrica, i cellulari e gli smartphone sotto controllo;
  • bonifica informatica, il cui scopo è sventare gli attacchi di software spia o spyware all’interno di computer, notebook, tablet e server aziendali.

Rivolgersi a un’agenzia investigativa esperta è fondamentale per garantire un processo di bonifica completo ed efficace.